Il miracolo bianco ha i suoi lati negativi

Neve sulle colline di Langa

“Gli eschimesi hanno 52 termini per indicare la neve, perché essa per loro è tanto speciale; ce ne dovrebbero essere altrettanti per l’amore.” Scriveva la poetessa canadese Margaret Atwood.

La neve è speciale per chiunque la veda, perché un prato coperto di neve, con gli alberi carichi di una soffice coltre bianca e i caseggiati in lontananza che brillano di una luce accecante, limpida, quasi mistica, rendono il paesaggio tale da far rimanere senza fiato.

I bambini che, alla vista della neve, corrono a mettere i doposcì e si buttano sul candido tappeto, costruiscono pupazzi e danno vita a interminabili battaglie di palle di neve aggiungono un’ ulteriore magnificenza a questo avvenimento climatico.

Le nevicate però portano con se anche disagi, problemi e a volte anche pericoli. Rallentamenti dei trasporti, pericolo di cadute e incidenti sono solo alcuni dei problemi che ogni nevicata porta con sé.

Non è da meno la nevicata che si è verificata nella notte in tutta la provincia di Cuneo e che promette di continuare per tutto il fine settimana. Sono caduti circa 15-25 centimetri in pianura e nelle colline delle Langhe, arrivando fino al metro di neve in montagna. Nella giornata di sabato dovrebbe poi continuare la nevicata solo dai 400 metri di altitudine, mentre domenica le temperature si alzeranno e quindi si preannuncia pioggia.

Fortunatamente i comuni del territorio si sono mossi per tempo per minimizzare i disagi.

Il comune di Alba ha disposto che nelle 12 ore successive alle nevicate vietata la sosta dei veicoli nelle strade a senso unico di circolazione, sul lato sinistro della carreggiata rispetto al senso di marcia, nelle strade a doppio senso di circolazione, sul lato della carreggiata corrispondente ai numeri civici dispari. Inoltre è stata vietata la sosta dei veicoli nella notte in numerose piazze della città. Questo per poter agevolare lo sgombero della neve e rendere agibili gli spostamenti nei tempi più rapidi possibili.

Dal canto suo il comune di Bra non è stato a guardare: sono stati affissi in tutta la città dei manifesti che ricordano le principali disposizioni in caso di nevicata. In particolare, ricordano che è responsabilità dei cittadini e degli enti interessati lo sgombero della neve e la copertura con sale o altri materiali antigelo. A differenza di Alba, non vi sono disposizioni per il parcheggio, ma i cittadini sono invitati a limitare gli spostamenti in caso di neve (eliminano il problema alla radice) in modo da poter agevolare lo sgombero.

Nei paesi più piccoli, viste le poche risorse disponibili, ci si affida al buonsenso e allo spirito di sacrificio degli abitanti. Molti di loro si offrono di spalare la neve anche a chi non può e in questo modo si riescono a limitare i disagi e a convivere con la neve.

Nelle Langhe è molto comune una nevicata, non crea stupore o sorpresa come può avvenire in altre località italiane, perciò trova quasi sempre preparati e i problemi che si porta dietro vengono minimizzati.

Per i langaroli, così come per gli eschimesi, la neve è tanto speciale.

Fonti: http://www.grandain.com/informazione/dettaglio.asp?id=28834,  http://www.grandain.com/informazione/dettaglio.asp?id=28836,  http://www.grandain.com/informazione/dettaglio.asp?id=28719

Annunci