Consegnato il progetto preliminare del terzo ponte di Alba

Nel pomeriggio di venerdì 27 agosto 2010 lo Studio torinese (Raggruppamento Corona-Taiga-Mediapolis-Ingegna), incaricato della progettazione preliminare del terzo ponte sul Tanaro, ha illustrato al Sindaco di Alba, agli amministratori ed ai giornalisti presenti a palazzo comunale i dettagli dell’opera.
Si tratta di un passo importante nell’iter che porterà alla realizzazione di un’infrastruttura viaria volta a decongestionare il traffico sull’ottocentesco ponte Albertino.

Il ponte si colloca nella prevista variante Est di Alba, verso la tangenziale per Asti-Cuneo-Torino, dalla  località Mogliasso raggiungerà viale Cherasca.
Ha una forma ad arco, a ricordare le strutture del passato, non ha stralli o altri manufatti che svettano per evitare di impattare sullo sfondo delle Rocche di Barbaresco. Il corpo, in cemento, è rivestito di vele di acciaio verniciato che conferiranno al ponte un aspetto arrotondato e compatto.
L’illuminazione sarà molto accurata, mentre la luce naturale è garantita da ampie aperture. Particolare attenzione verrà data al suo innesco con la viabilità in entrata e uscita. Lo studio ha dovuto infatti tenere conto della zona di esondazione del Tanaro e degli edifici industriali, abitativi e agricoli presenti nella zona.
La campata di attraversamento del fiume sarà lunga 160 metri, in tutto l’opera raggiungerà circa i 1500 metri, con una parte in viadotto di circa 500 metri. Avrà una corsia per senso di marcia e una pista ciclabile per lato.
L’opera nel complesso costerà circa costerà venti milioni di euro, dei quali oggi sono già stanziati in Provincia dodici milioni derivanti dai cosiddetti “fondi Crosetto”.

Commenta il Sindaco Maurizio Marello:La progettazione del ponte è stata portata avanti dalla Ripartizione Opere Pubbliche del Comune di Alba in sinergia con la Sovrintendenza dei Beni Ambientali e con la Provincia di Cuneo. Si tratta infatti di un intervento molto delicato, sia dal punto di vista geologico che da quello ambientale.
Per la viabilità cittadina, il terzo ponte è indispensabile a decongestionare il traffico dalla sinistra Tanaro verso il centro, fino alla zona Moretta – Ricca. Si tratta di una grande opera pensata, fin dall’inizio, non solo per migliorare il traffico locale, ma per decongestionare il territorio.  Un organo di certificazione provvederà, come prevedono le norme, alla verifica del progetto, il quale, entro l’anno sarà approvato e successivamente trasmesso alla Provincia di Cuneo per i passi successivi”
.

Annunci