Rifiuti abbandonati lungo le strade: accordo tra Provincia e Corpo Forestale per la vigilanza

Limitare l’abbandono, da parte di ignoti, di rifiuti di varia natura lungo le
strade provinciali e in aree pubbliche e, più in generale, intensificare l’attività di
controllo in campo ambientale per la prevenzione e la repressione di tali
comportamenti illeciti. E’ questo lo scopo dell’accordo di collaborazione tra la
Provincia e il Comando del Corpo Forestale di Cuneo siglato mercoledì 3
novembre in Provincia. Alla firma della convenzione hanno partecipato il
presidente della Provincia Gianna Gancia e il comandante provinciale del Corpo
Forestale Paolo Salsotto.

“Stavamo valutando iniziative e sanzioni mirate a limitare l’abitudine incivile di
abbandono dei rifiuti lungo le strade provinciali – spiega il presidente Gancia –:
questa soluzione, elaborata in collaborazione con l’assessore provinciale Luca
Colombatto, ci sembra provvedimento utile e soprattutto necessario per
salvaguardare la bellezza del nostro territorio e tutelare l’ambiente, sempre più a
rischio sfruttamento e depauperamento”.

L’iniziativa prende spunto dalle nuove disposizioni di legge che prevedono
collaborazioni tra organismi pubblici per l’attività di controllo e vigilanza anche
per i reati contro l’ambiente. Si è, quindi, deciso di estendere la sfera dei
controlli già eseguiti dal Corpo Forestale dello Stato anche in materia di
abbandono di rifiuti non solo sui terreni, ma anche nelle acque e canali, causa di
un evidente degrado del territorio, ma soprattutto elevato costo da parte degli
enti pubblici costretti a rimuovere e smaltire tali rifiuti per ripristinare le
condizioni ambientali dei luoghi. In base all’accordo il Corpo Forestale svolgerà
attività di vigilanza in particolare lungo le strade provinciali, occupandosi
anche di educazione e formazione ambientale e predisponendo materiale
informativo. La Provincia rimborserà le spese di carburante dei automezzi
utilizzati per la vigilanza per una cifra massima di 7 mila euro l’anno.

Annunci